BARCACCIA

Roma è una delle città più importanti per l’arte e l’architettura barocca. Per la serie di concerti barocchi dell’Accademia Filarmonica Romana, uno dei più grandi artisti di questo movimento, Gian Lorenzo Bernini, è stato scelto come riferimento.

Ispirato alla leggenda di una piccola barca portata in Piazza di Spagna da una piena del fiume Tevere, Bernini realizzò una fontana scultorea, la “Barcaccia”, a forma di barca semisommersa in una vasca ovale posta leggermente al di sotto del piano stradale, con prua e poppa identiche, rialzate rispetto ai bordi laterali più bassi. Era la prima volta che una fontana veniva concepita interamente come opera scultorea.

Per la scenografia, la scultura è stata presa come riferimento e ridisegnata con un taglio contemporaneo dopo un’attento studio delle proporzioni e delle forme utilizzate dal Bernini. Il risultato è uno scheletro ligneo smontabile realizzato con strutture modulari concatenate che richiama la struttura di uno strumento musicale o di un gozzo (tipico peschereccio ligure). Essa forma una piattaforma per l’orchestra, raccogliendo il gruppo musicale e diventando uno strumento musicale a sé.

LUOGO:
ITINERANTE

ANNO:
2010

CLIENTE:
Accademia Filarmonica Romana

SUPERFICIE:
20.mq

BUDGET:
nd

PROGETTO:
Denis Krief, Arch. Luigi Pardo

TEAM:
Denis Krief, Luigi Pardo

FOTO:
Archivio LPA

WordPress Lightbox Plugin