CENTRO COMUNE

I presupposti alla base di questo progetto investono una serie di considerazioni sulla morfologia del luogo e sul suo contesto storico. Lo sviluppo urbano, fortemente legato alla morfologia del terreno, ha chiaramente guidato le varie fasi di espansione dei nuclei abitativi, inizialmente seguendo il crinale del colle e negli anni più recenti espandendosi da entrambi i lati a valle. La costruzione di un nuovo asse viario, ortogonale rispetto al crinale e totalmente alieno alla morfologia del terreno, porta lo sviluppo più recente dell’assetto urbano annullando la centralità del borgo medievale e accentuando la difficoltà di connessione morfologica tra i tessuti. Per chi arriva oggi a Paratico, la via principale attraversa in brevissimo tempo il crinale senza passare dal centro, portando i visitatori direttamente al lago e ai paesi confinanti più ricchi.

Il progetto vuole proporsi come soluzione urbanistica oltre che estetica e funzionale facendo riferimento agli elementi caratterizzanti l’asse centrale. Il nuovo assetto, visivamente in comunicazione con la piazza dell’edificio civico, apre la visuale verso il panorama accentuando le linee di fuga, attira gli sguardi e i flussi verso la parte finale dell’asse ricreando un naturale luogo d’incontro. Il nuovo municipio permette inoltre di coprire visivamente dalla piazza centrale gli edifici residenziali retrostanti dando l’impressione di uno spazio più aperto e sgombero di quello che è in realtà.

Il progetto si rifà al concetto più diffuso di edificio istituzionale formato da un elemento orizzontale massivo e da un elemento verticale. La sua silhouette conferisce all’edificio autorità e forza d’immagine.

+ La piazza è il cuore del progetto. Questo spazio esterno, leggermente inclinato, si apre verso il centro storico proponendo un luogo d’incontro pubblico. Non solo un ingresso importante alla sede amministrativa, ma uno spazio per tutti: luogo d’incontro, bar con servizio all’aperto, spazio per allargare il mercato esistente ecc…

+ L’edificio massivo principale ospita il Municipio vero e proprio, con gli uffici pubblici e privati, archivi, un piccolo auditorium e locali da affittare. La sua facciata, massiva, in brise-soleil, in pietra grigia locale montata su un supporto in acciaio, ricorda le rocce che strapiombano sul lago d’Iseo tra Riva di Solto e Castro.

+ La torre è il principale punto di riferimento della composizione, che facendo da perno ottico si ricollega visivamente al campanile della chiesa e al lago d’Iseo. Completamente indipendente dal palazzo municipale può essere utilizzata anche durante le ore di chiusura degli uffici. Ospita una caffetteria al piano terra, spazi espositivi per eventi culturali nei tre piani superiori e all’ultimo piano, una terrazza panoramica con vista a 360° sul centro di Paratico, le rovine del castello medievale e il lago. La torre ha una doppia pelle in vetro opacizzato e traslucido che di giorno riflette la facciata brise-soleil in pietra, così come il lago riflette le montagne, di notte è illuminata, e come una lanterna che emette un bagliore soffuso segna il centro di vita notturno della città, visibile da tutte le zone circostanti.

CONCORSO D’IDEE NUOVO MUNICIPIO DI PARATICO E SPAZI ATTIGUI

LUOGO:
Paratico (BS), Italia

ANNO:
2010

CLIENTE:
Comune di Paratico

SUPERFICIE:
2.560 mq. interno + 2.300 mq. esterno

BUDGET:
3.000.000 euro

PROGETTO:
LPA

TEAM:
Sandra Persiani, Luigi Pardo

WordPress Lightbox Plugin